Mutui e prestiti, tassi d’interesse fuori controllo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Valeria Defilippis

Svariati consumatori scelgono di affidarsi all’erogazione del credito delle banche per ottenere la liquidità necessaria ad acquistare casa, comprare un’auto o avviare una nuova attività. Nel momento in cui si sceglie di accendere un mutuo o richiedere un prestito è bene che si presti attenzione a tassi d’interesse, condizioni generali del contratto e piano di ammortamento onde evitare spiacevoli situazioni e casi di insolvenza. Per orientarsi nel mercato creditizio ed individuare una soluzione adeguata è possibile valutare i migliori mutui del momento a confronto, così da trovare velocemente un prodotto adeguato alle nostre esigenze e possibilità.

Spesse volte chi contrae un finanziamento, complice la crisi economica, può andare incontro a situazioni difficoltose che implicano un aumento dei casi di insolvenza. In questi casi è bene tenere in considerazione che una delle possibilità cui i consumatori hanno diritto è la sospensione delle rate del mutuo per mezzo del Fondo di Solidarietà. In questi giorni, inoltre, per salvaguardare gli interessi dei consumatori è stato firmato l’accordo tra Banca d’Italia e Agcm in merito ai rapporti con le banche e gli intermediari finanziari su mutui e prestiti.

Tra le cause più frequenti delle problematiche inerenti mutui e prestiti ci sono tassi di interesse, documenti di sintesi e condizioni quasi sempre sfavorevoli per il cliente. Il Protocollo d’Intesa prevede un coordinamento più forte delle due autorità al fine di offrire un servizio di tutela ai clienti bancari e finanziari. Nel dettaglio, d’ora in avanti le due autorità si scambieranno documenti ed informazioni al fine di aumentare la trasparenza nei casi in cui emergano situazioni di anomalia o violazioni delle competenze di ciascuna delle due authority.

Tra gli obiettivi anche quello di costruire un gruppo di lavoro permanente che vigili sull’attuazione del protocollo d’intesa così da garantire ai cittadini un servizio efficiente. Banca d’Italia potrà inoltre, rilasciare pareri nell’ambito dei procedimenti relativi a pratiche commerciali scorrette avviati dall’Antitrust nei confronti di operatori del settore bancario e finanziario.

In concomitanza con l’avvio del piano di attuazione del Protocollo i consumatori potranno finalmente contare su una completa tutela in fatto di pubblicità ingannevole, pratiche commerciali scorrette, violazione dei diritti dei consumatori nell’ambito dei contratti, clausole vessatorie ed altre tematiche di interesse comune. Ricordiamo che in caso di attestazione di irregolarità e pratiche commerciali scorrette le banche sono soggette a gravose sanzioni amministrative e pecuniarie da parte dell’Agcm e Antitrust.