Napoli, i tentacoli della Camorra sugli appalti. Gare truccate: 69 arresti. Coinvolti pure politici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una maxi indagine con al centro la corruzione in molte gare di appalto pubbliche ha portato a 69 arresti in tutta la Campania. Sono coinvolti amministratori locali, funzionari pubblici, imprenditori, professori universitari, commercialisti, ingegneri e “faccendieri”. Dalla corruzione ne avrebbe tratto beneficio anche il clan Zagaria, fazione dei casalesi. I reati contestati a vario titolo sono corruzione, turbativa d’ asta e concorso esterno in associazione mafiosa. L’indagine è condotta da un pool di cinque pm della Dda (Maresca, Giordano, Landolfi, Sanseverino, e D’Alessio) e coordinata dal procuratore aggiunto Borrelli. L’operazione scattata questa mattina del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli, è coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea.

Tra gli indagati l’ex assessore e ora consigliere regionale Pasquale Sommese. L’ampio giro corruttivo sarebbe stato organizzato da Guglielmo La Regina che risulta essere legale rappresentante dell’Archicons s.r.l., con altri due imprenditori e Alessandro Zagaria, che viene ritenuto dagli inquirenti vicino al clan dei casalesi e intermediario con tanti politici. Coinvolti anche molti sindaci dei comuni in provincia di Napoli e Caserta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA