Napoli, sequestrati 13 forni avvelenati. Pane cotto con legna verniciata e piena di chiodi. Trovati anche scarti di cantieri edili

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Blitz contro i forni fuori controllo in Campania. Forni che per cuocere il pane usavano legna verniciata con chiodi arrugginiti. Un blitz dei Carabinieri e dei Nas di Napoli che ha portato a 63 persone denunciate, circa 3,5 tonnellate di pane sequestrate e multe per 100 mila euro. Tra Napoli e provincia sono stati controllati 200 forni (13 dei quali sequestrati), predisposti posti di blocco su strada per intercettare e verificare mezzi usati per il trasporto e, infine, ispezionato market e negozi di alimentari. Tra i forni sequestrati sei erano ad Acerra, tre ad Arzano e altri a Crispano, Pomigliano d’Arco, Afragola e Casoria. Trovati anche scarti di cantieri edili, con chiodi arrugginiti ed evidenti tracce di calce e vernici.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA