Napoli, uomo ucciso per “battesimo da killer”: la vittima era un clochard

Napoli, uomo ucciso lo scorso 31 agosto: nelle scorse ore sono emerse informazioni utili sul caso. Indagano i pm.

Napoli, uomo ucciso per strada lo scorso 31 agosto: emergono dei dettagli inquietanti sulla vicenda. I pm stanno vagliando diverse ipotesi sul caso senza l’aiuto di probabili testimoni che hanno assistito all’omicidio ma si sono chiusi in omertà.

Napoli, uomo ucciso per “battesimo da killer”: la vittima era un clochard

Napoli, uomo ucciso per “battesimo da killer”

Emergono dei dettagli inquietanti sulla morte dell’uomo a Napoli lo scorso 31 agosto 2022. I pm Valentino Battiloro e Cristina Curatoli stanno valutando diverse ipotesi per ricostruire il movente dell’omicidio dell’uomo.

Sono tre le ipotesi che sono state avanzate dai pm: la prima, si ritiene che l’uomo possa essere stato ucciso al termine di una sorta di test della pistola. Le altre due ipotesi parlano di un “battesimo da killer”, e quindi un rito di iniziazione per un gruppo criminale, a addirittura di un “delitto per gioco”.

La vittima era un clochard

L’uomo che ha perso la vita si chiamava Davide Fogler, aveva 56 anni ed era un clochard. L’uomo non aveva un lavoro fisso, talvolta si arrangiava come parcheggiatore abusivo. La vicenda si è consumata nel pomeriggio del 31 agosto nel quartiere di Bagnoli a Napoli.  L’omicidio era avvenuto davanti a molti passanti ma nessuno ha voluto testimoniare su ciò che è successo e ha visto. Dunque, le indagini non sono per niente agevolate ed infatti all’inizio si è pensato ad un incidente, poi dopo l’autopsia sono emersi dettagli utili agli inquirenti per aprire un fascicolo per omicidio.

Leggi anche: ‘Ndrangheta a Bergamo, sequestrati 6,5 milioni di euro: effettuati 33 arresti per usura, ricettazione e fatture false. Indagato anche un funzionare del Fisco

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram