Napolitano striglia le toghe. Nel suo ultimo discorso al Csm Re Giorgio boccia il protagonismo dei magistrati e sollecita la riforma della Giustizia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È un messaggio chiaro quello lanciato da Giorgio Napolitano nel suo ultimo discorso al plenum del Csm. Al centro delle sue parole, la necessità di riformare il sistema. In modo organico. Dando vita a un processo innovatore che restituisca efficienza alla macchina della giustizia. Tenendo fermo un principio: “La politica e la magistratura non devono percepirsi come mondi ostili”. E sottolineando come i giudici devono evitare comportamenti “impropriamente protagonistici”. Il capo dello Stato, dunque, torna sul tema dei rapporti tra il mondo politico e la giustizia: “Lo stato di tensione che negli anni ha caratterizzato politica e magistrati – ha detto ancora Napolitano – non ha giovato nè alla qualità della politica nè all’immagine della magistratura”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA