Nardella, l’ultimo renziano a guardia del forte Pd. Ci mancava il sindaco di Firenze a sparare sul Governo. Più che al Nazareno sembra un iscritto a Italia Viva

NARDELLA RENZI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dario Nardella, sindaco di Firenze ed amico di lungo corso di Matteo Renzi, è intervenuto a gamba tesa nel dibattito politico post fiducia supportando di fatto il senatore toscano: “Non possiamo fare gli avvocati del premier o appiattirci sui Cinque Stelle”. E gli fa eco, anche se in misura più moderata e meno critica il governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: “Serve una nuova squadra di governo. Conte e Pd ascoltino di più i territori”. E ancora: “Il Recovery Plan è stato migliorato grazie a Renzi che avrebbe potuto rivendicarlo”.

Questi interventi pongono una questione politica perché, come abbiamo scritto ieri, Zingaretti deve avere un controllo totale del suo partito in questo difficile momento e le uscite come quella di Nardella non solo sono destabilizzanti per l’intera maggioranza, seppur relativa, ma sono addirittura nocive per la tenuta del governo. Infatti non è difficile inferire da quanto dichiarato che Nardella è una sorta di quinta colonna renziana nel Pd e che anzi, magari ci sia rimasto apposta dentro a quel partito proprio per intervenire dall’interno, come di fatto sta avvenendo in questi giorni, quando è necessario, con micro-cariche esplosive in una diga che è già sotto stress.

Zingaretti deve garantire la tenuta del Pd come i Cinque Stelle hanno dimostrato di aver tenuto il timone dritto in questo difficilissimo passaggio parlamentare. Se invece i dem stanno giocando su due tavoli per lucrare qualche vantaggio in termini politico-istituzionali, cioè qualche poltrona in più detto in soldoni, il ragionamento non solo sarebbe sbagliato ma anche pernicioso. Infatti il governo è una squadra che si regge su un gioco comune, si tratta della stessa barca e alla fine se affonda affondano tutti.

Qualcuno dentro il Pd magari non solo non interviene a ribattere alle uscite di Nardella, ma magari è anche contento che come diceva Mao “Grande è la confusione sotto il cielo quindi la situazione è eccellente”. Oltretutto, ribadiamo, il Pd non ha fatto nulla per riportare i voti indietro da Italia Viva e questo desta veramente non solo legittima preoccupazione, ma anche sospetto. Qualcuno sta lavorando contro Zingaretti e la maggioranza? Qualcuno che si cela dietro un volto (apparentemente) amico ed invece nasconde sotto il mantello il pugnale del sicario?

Non è possibile tenere gli “amici di Renzi” a destabilizzare il quadro; oltretutto, con tutto il rispetto, Nardella è sindaco di una città gloriosa, ma piccola, quale potere di rappresentatività democratica può mai reclamare a meno che questa patente gli sia assegnata da qualcuno dentro il suo stesso partito? Queste non sono certo domande retoriche data la situazione che si è creata alla Camera e soprattutto al Senato, dove Renzi con la sua furba astensione si è incuneato con un “doppio di cavallo” che lui ama tanto e tiene in scacco il re.

Renzi è un opportunista scaltro e navigato e non bisogna dargli altra benzina dall’interno. E tornando anche a Stefano Bonaccini che tutti giustamente lodano come il “salvatore dell’Emilia Romagna” servirebbero meno critiche – sia pur moderate – e più appoggio concreto visto che anche lui deve farsi perdonare le Leopolde in cui veniva a parlare male delle regioni per supportare il centralismo dell’allora premier tutto teso a rovesciare l’Italia come un calzino, operazione che – come noto – lo ha perduto, lasciando all’Italia solo macerie e intoppo burocratici come le mai scomparse province.

 

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA