Nasce l’intergruppo parlamentare M5S-Pd-Leu. Conte: “Iniziativa giusta e opportuna. E’ urgente costruire spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune”

GIUSEPPE CONTE cassese dpcm
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Alla vigilia del voto di fiducia al nuovo governo Draghi, abbiamo deciso, sollecitati da senatrici e senatori dei tre gruppi parlamentari, di intraprendere un’iniziativa comune: la costituzione di un intergruppo parlamentare che, a partire dall’esperienza positiva del Governo Conte II, promuova iniziative comuni sulle grandi sfide del Paese, dalla emergenza sanitaria, economica e sociale fino alla transizione ecologica ed alla innovazione digitale. Con questo spirito, da domani, saremo insieme per rilanciare e ricostruire il nostro Paese”. E’ quanto hanno annunciano ieri sera i capigruppo al Senato, Andrea Marcucci (Pd), Ettore Licheri (M5S) e Loredana De Petris (Leu).

“L’iniziativa annunciata dai Capigruppo in Senato di M5S-Pd-Leu di costituire un intergruppo parlamentare per promuovere iniziative che rilancino l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa è giusta e opportuna” ha commentato l’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “In questa fase – ha aggiunto Conte – è ancora più urgente l’esigenza di costruire spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune già svolto e contribuiscano ad indirizzare la svolta ecologica e digitale e le riforme di efficientamento della Pa e della giustizia nel segno di una maggiore equità e inclusione sociale”.

“Le forze che hanno già proficuamente lavorato insieme – ha detto ancora l’ex premier – devono nutrire la loro visione democratica e solidaristica con proposte concrete e con traiettorie riformatrici ben chiare, in modo da alimentare questo patrimonio comune e da affinare una condivisione di intenti e di obiettivi. E’ questo il modo migliore per affrontare il voto di fiducia al nuovo governo che si preannuncia già domani (oggi, ndr) in Parlamento”.

“E’ una cosa molto importante la scelta che hanno fatto oggi i senatori, dentro questa maggioranza così ampia, di offrire al presidente Draghi un’area omogenea per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi su un asse politico dell’europeismo che altrimenti sarebbe stato più debole” ha commentato, a Cartabianca il segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA