Il Natale non preoccupa il Governo. Sileri: “La situazione è sotto controllo”. Figliuolo conferma che ci dosi per tutti. Anche in vista di una terza somministrazione di massa

Sileri Figliuolo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La situazione in vista del Natale non ci preoccupa, ma teniamo ovviamente uno sguardo ai numeri. Tuttavia la situazione attuale dei vaccinati, l’uso del Green Pass e la diagnostica terranno la situazione molto sotto controllo”. È quanto ha detto a RaiNews24 il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri.

“Personalmente – ha aggiunto Sileri – credo che un’estensione dello stato di emergenza sia logica, anche perché dobbiamo finire ancora le terze dosi, però la decisione verrà presa poco prima della scadenza del 31 dicembre. Quando sarà approvato un vaccino anti-Covid per i bambini di 5-11 anni significherà che il vaccino è sicuro ed efficace; al momento l’ente regolatorio non si è ancora espresso. Io vaccinerei sicuramente i miei figli nel momento in cui il vaccino è approvato dagli enti regolatori”.

“Siamo in grado di effettuare sia il completamento del ciclo primario che le terze dosi, abbiamo 9,4 milioni di dosi di vaccini stoccati a cui si somma una cospicua riserva strategica” ha confermato, invece, il commissario all’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi sulla prosecuzione della campagna vaccinale (qui il video). “Le proiezioni da qui a dicembre – ha aggiunto il generale – ci dicono che siamo in grado sia di effettuare le donazioni che di avere una quantità per far fronte a tutti gli impegni nazionali. Siamo in grado di assicurare ai cittadini e nei tempi previsti le dosi somministrate”.

“Per il 2022 – ha proseguito Figliuolo – abbiamo già opzionato dosi tali per cui siamo i grado di effettuare la terza dose a tutti quelli che hanno completato qualsiasi tipo di ciclo vaccinale, quindi anche ad alte cifre. Di quelle dosi ce n’è una quota parte che sarà messa a disposizione dei Covax. Siamo in grado di assicurare a tutti i cittadini le dosi che devono essere somministrate”.

Leggi anche: In Germania via libera alla terza dose per tutti. L’Italia valuta cosa fare. Ma intanto l’incidenza continua salire e il rischio di una quarta ondata è ormai concreto.