Negozi di Roma alla fame, la Raggi taglia le tasse. Il piano della sindaca contro la psicosi Coronavirus che sta rovinando i commercianti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sebbene nel Lazio i contagi siano appena undici, la psicosi da coronavirus sta devastando i commercianti della Capitale. Proprio per andare in loro soccorso e su impulso della sindaca Virginia Raggi, l’Assemblea capitolina ha approvato all’unanimità, con 29 voti favorevoli e nessun contrario, una mozione a prima firma del presidente della commissione Commercio, Andrea Coia (M5S) e sottoscritta da tutti i capigruppo dell’Aula per prevedere “misure straordinarie” per soccorrere gli imprenditori capitolini. Agevolazioni sui tributi comunali, fino potenzialmente all’esenzione totale, e rateizzazione o posticipo dei versamenti della tassa di soggiorno per aiutare i commercianti di Roma a uscire dalla crisi provocata dal coronavirus. Questa la lunga serie di interventi decisi dall’Aula Giulio Cesare per far fronte “alla crisi che sta colpendo il nostro Paese” e che “si riflette in maniera rilevante sulle attività produttive e ricettive di tutta Italia e anche su Roma Capitale”. Un’epidemia che, come si legge nel testo del provvedimento, ha causato “prenotazioni in sensibile flessione dovute anche a un’informazione e una rappresentazione del fenomeno non corretta della diffusione del coronavirus”. Così a beneficiare di questi aiuti, il cui scopo è impedire la chiusura di numerose attività, saranno sia le attività produttive, incluse quelle collegate allo spettacolo e alla cultura, che soprattutto quelle ricettive.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA