Nel centrodestra ora è faida. Che parabola da Fini a Meloni. Nell’ex coalizione si respira aria da guerra civile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Lapo Mazzei

Sinistra, centrosinistra, civici, destra, estrema destra, paladini dei consumatori: tra cambi dell’ultimo momento, spaccature e ripensamenti vari, al momento si contano una dozzina di nomi, più o meno noti, più o meno di peso, in corsa per il Campidoglio. E non è detto che i numeri non aumentino nei giorni a venire. Ormai l’unica certezza è la sostanziale incertezza del quadro entro al quale si muovono partiti e candidati in vista della tornata amministrativa per Roma. Una consultazione elettorale che, tecnicamente, servirà a esprimere il nuovo sindaco di Roma, ma che politicamente potrebbe modificare l’assetto del quadro nazionale.  I giochi di potere che si vanno consumando sopra la testa dei romani rischiano davvero di mettere in secondo piano i problemi di Roma.  Nel centrodestra l’ultima arrivata è Giorgia Meloni, anche se Flavio Tosi, con un colpo di teatro dell’ultim’ora, ha provato a rubarle la scena: “Sto valutando se scendere in campo per Roma”, ha detto, spiegando di poter contare sull’esperienza positiva già maturata a Verona. E se Pd e M5S, così come i centristi, confluiti su Marchini, hanno già scelto il volto che porteranno alle urne, a sinistra, invece, dove al momento c’è l’unica candidatura di Stefano Fassina, si comincia a parlare di primarie. Come dire: mai dire mai. E fino all’ultimo la situazione sarà suscettibile di colpi di scena.  Un ulteriore prova del fatto che le amministrative di Roma saranno un laboratorio dal quale usciranno non sindaco e consiglieri, ma leader e candidati alle politiche. Va detto che il peso maggiore di questa strana competizione ricade su Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, ormai arrivati all’imbocco dell’ultima curva prima del rettilineo finale. Prendete il leader del Carroccio, per esempio: “Gratitudine per il lavoro di Silvio Berlusconi, ma anche la convinzione che il centrodestra e Forza Italia debbano rinnovarsi”. Parole, quelle del  segretario del Carroccio,  che lasciano poco spazio all’immaginazione. Del resto  l’erede di Bossi vorrebbe uno schieramento che “guardasse avanti e non al passato”. Ecco perché Roma è stato, e sarà, il cavallo di Troia per far saltare Palazzo Grazioli. Dal canto suo il cavaliere con la ridotta di Arcore, composta dal cerchio tragi-comico che vede in prima linea la senatrice Maria Rosaria Rossi e Francesca Pascale , non può certo pensare di essere ancora credibile. E soprattutto spendibile in una campagna porta a porta per il Comune di Roma.  In fondo a ragione Salvini quando dice che nella famosa  “foto di Bologna” che aveva visto i leader del centrodestra uniti sul palco, “eravamo belli tutti e tre”. Erano, perché ormai quel centrodestra non c’è più.  “La candidatura di Gianfranco Fini nel 1993 ha sancito la nascita del centrodestra, quella della Meloni nel 2016 ne decreta la fine”, è la chiosa fulminante di  Daniela Santanchè. Che, mai come in questo  caso, fa calare la tripolina su una commedia durata già troppo. Peccato solo che la Capitale Roma, con tutti i suoi problemi, rischi di fare la fine della Roma di Nerone.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA