Nella Capitale tributo al genio di Andy Warhol. Con caccia ai misteri delle serigrafie

Jill Mahè e Filippo Restelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli auguri di Natale di Restelliartco, galleria d’arte moderna con una particolare vocazione per la pop art, quest’anno sono arrivati in francese. Mercoledì scorso Filippo Restelli e Raffaella Rossi hanno accolto più di quattrocento ospiti al Carré Français di Via Vittoria Colonna per festeggiare l’apertura di Tribute to Andy Warhol / Sunday B. Morning, una nuova mostra su un capitolo curioso e interessante della produzione di e after Andy Warhol.

Gli chef del bistrot più à la page della Capitale hanno commentato l’evento servendo specialità dedicate alle opere in esposizione. A intrattenere gli ospiti anche tanta musica dal vivo, con ovviamente le più belle canzoni francesi di sempre. Madrina della serata Renée Ponder, arrivata a sorpresa dagli Stati Uniti per prendere parte alla prima mostra europea dedicata alle Sunday B. Morning, le mitiche e popolarissime edizioni di opere serigrafiche di Andy Warhol al centro di una serie di piccoli misteri che la mostra curata da Restelli e Rossi ha cercato di chiarire.

Le SBM, oltre a essere un intrigante giallo dell’arte contemporanea sono però anche un business da parecchi milioni di dollari e la Ponder, carismatica donna d’affari di San Francisco, è oggi la proprietaria del marchio. Tra gli ospiti arrivati a rendere omaggio all’artista più influente del XX secolo abbiamo visto le belle Nathalie Rapti Gomez, Cristiana Pedersoli, Eleonora Vallone e Giorgia Pacelli con Giuseppe Ferrajoli di Filacciano, Guglielmo Giovanelli Marconi, Roberto Wirth e Louis Martini Vitetti.