Neonata morta a Catania, ci sono i primi indagati. La madre: Nicole in pace soltanto quando ci sarà giustizia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un caso su cui per ora risulta ancora difficile far luce quello della morte di una neonata a Catania. Ma sarà fatta chiarezza promette il Governo. Occorrerà attendere anche l’autopsia. Anche se è già chiaro che qualcosa non ha funzionato. E l’inchiesta è stata già aperta. E ci sono anche già i primi iscritti nel registro degli indagati, anche se non sono stati resi noti. “E’ necessario comprendere le singole responsabilità, individuando ogni passaggio della catena che si è occupata della vicenda e analizzando i risultati della autopsia sul corpo della piccola”, ha spiegato il procuratore.

“Non mi hanno permesso di vederla, di stringerla a me, di accarezzarle la manina e farle sentire che io le ero vicina: me l’hanno portata via senza averle potuto dare il suo primo e ultimo saluto”, queste le parole di Tania Laura Egitto su sua figlia Nicole.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA