Nessuna grazia per Berlusconi. Gli restano solo i servizi sociali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nessuna richiesta di grazia per Silvio Berlusconi. “E’ tramontata”, ha spiegato Franco Coppi uno degli avvocati difensori del Cavaliere. L’annuncio è avvenuto al termine dell’udienza dell’appello bis in corso a Milano, sulla tentata scalata da parte di Unipol avvenuta nel 2005. Il dibattito sul tema della grazia all’ex-premier va avanti ormai da mesi e più volte i suoi legali hanno smentito che i figli di Berlusconi abbiano presentato una richiesta in tal senso al Quirinale. I legali di Berlusconi hanno depositato la richiesta di affidamento in prova ai servizi sociali.

“Non è pensabile nessuna ipotesi di slittamento: vanno rispettati il regolamento e le procedure ed è inutile che il Pdl cerchi alibi per nascondere l’unica certezza che è quella condanna definitiva di Berlusconi per frode fiscale”, ha dichiarato il responsabile Giustizia del Partito democratico Danilo Leva. Il voto sulla decadenza resta quindi fissato al prossimo 27 novembre.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA