Niente Reddito di cittadinanza a chi non studia

Il ministro Valditara propone il completamento obbligatorio della scuola per i percettori del Reddito di cittadinanza senza titoli d'istruzione.

Nell’ambito della modifica del Reddito di cittadinanza per il 2023 e quindi della riforma nel 2024 annunciate nella Manovra approvata dal Governo, il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha fatto eseguire una ricerca a proposito dei giovani nella fascia compresa tra i 18 e i 29 anni percettori di Reddito.

DIREZIONE NORD UNA NUOVA STAGIONE

Il ministro Valditara propone il completamento obbligatorio della scuola per i percettori del Reddito di cittadinanza senza titoli d’istruzione

La ricerca ha dato un esito che il ministro definisce “sorprendente e inquietante”, rispetto a cui annuncia di avere elaborato “una proposta che mostra come la parola merito nella visione mia e del governo non sia un orpello retorico, ma costituisca un preciso indirizzo politico”. La proposta parte da un dato preciso. “In Italia ci sono 364.101 percettori di reddito di cittadinanza nella fascia compresa tra i 18 e i 29 anni. Di essi, abbiamo scoperto che ben 11.290 possiedono soltanto la licenza elementare o addirittura nessun titolo, e altri 128.710 soltanto il titolo di licenza media”, spiega Valditara.

“Ebbene, noi riteniamo si debba prevedere l’obbligo di completare il percorso scolastico per chi lo abbia illegalmente interrotto o un percorso di formazione professionale nel caso di persone con titolo di studio superiore ma non occupate né impegnate in aggiornamenti formativi, pena in entrambi i casi la perdita del reddito, o dell’eventuale misura assistenziale che dal 2024 lo sostituirà. Questi ragazzi preferiscono percepire il reddito anziché studiare e formarsi per costruire un proprio dignitoso progetto di vita. Il reddito collegato all’illegalità tollerata del mancato assolvimento dell’obbligo scolastico”, prosegue il ministro dell’Istruzione e del Merito.

“È inaccettabile moralmente: significherebbe legittimare e addirittura premiare una violazione di legge. Anche la percezione del reddito da parte di un giovane che ha titoli di studi superiori, non ha impedimenti personali, o famigliari, ma non cerca un lavoro, né investe in formazione su se stesso, non è sostenibile economicamente e culturalmente”, continua Valditara.

“Un ragazzo non può consapevolmente rinunciare a coltivare i suoi talenti in qualunque forma, ed essere contemporaneamente pagato dallo Stato, ovvero dai cittadini italiani. La grande alleanza per la scuola e per il merito che ho lanciato implica, come tutte le alleanze, il principio di responsabilità. Non c’è merito senza responsabilità. Sento dire che tagliare il Reddito – ha concluso il ministro Valditara – sarebbe disumano. A me pare disumano convivere con l’illegalità, calpestare il diritto allo studio, educare i ragazzi al mantenimento a spese della società piuttosto che a credere in loro stessi e alla possibilità di migliorare le loro condizioni di vita”.

Dai lavori forzati allo studio coatto

L’altro ieri il ministro dell’Istruzione Valditara aveva annunciato che è allo studio anche un sistema che preveda “forme diverse di sanzioni nei confronti di quegli studenti che non hanno capacità di rispettare le regole: una cosa che mi è sempre parsa molto utile, sono i lavori socialmente utili”.

Leggi anche: Una Manovra affama-poveri. “Figlia dell’ignoranza e della ferocia sociale”. Parla il politologo Marco Revelli: “Questo Esecutivo scarica i costi sugli ultimi” 

Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:11
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram