No, Non è la D’Urso! Purtroppo è Zingaretti. Il leader del Partito democratico “raccomanda” la conduttrice Mediaset. Per il governatore il talk avvicina la politica alle persone

NICOLA ZINGARETTI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Grossa scivolata del governatore della Regione Lazio e segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti che ieri se ne è uscito con un incredibile Tweet a favore di Barbara D’Urso: “In un programma che tratta argomenti molto diversi tra loro hai portato la voce della politica vicino alle persone. Ce n’è bisogno”.

L’endorsement è stato fatto dal politico in relazione alle voci circolate di chiusura anticipata del Live della conduttrice napoletana. Il cinguettio non è certo passato inosservato nella infosfera, tra i suoi stessi follower, e si è scatenato un putiferio di proteste nei suoi confronti. In effetti, l’azione compiuta dal segretario non ha molto senso soprattutto in un momento così difficile per l’Italia e il mondo intero.

La D’Urso, che ricordiamolo restituì il tesserino da giornalista per poter fare pubblicità in una televisione, non è certo un modello di comunicazione approfondita, in particolare delle vicende politiche. Intanto perché svolge il suo lavoro in una rete Mediaset, quindi di parte, visto che il proprietario è un rilevante capo politico. E poi è proprio la cifra intima della televisione della D’Urso a sgretolarsi appena se ne gratti la superficie patinata e splendente.

Si tratta di una Tv banale, scialba, populista nel senso peggiore del termine che negli anni ha contribuito al degrado culturale dell’Italia. Infatti i commenti dei seguaci di Zingaretti sono stati tutti negativi e caustici. Uno, ad esempio, ha ricordato al segretario che mentre lui era lì a lodare la D’Urso e a farle le smancerie, il ministro della Sanità Roberto Speranza era in Parlamento a riferire sullo stato del piano vaccinale e la pandemia.

Altri suoi ex follower sono andati al concreto e gli hanno fatto notare che non c’era bisogno di questo plateale appoggio alla conduttrice solo per poi lucrare qualche comparsata in tv. Zingaretti ha questo limite, ad esempio rispetto a Walter Veltroni. Lui stende una ragnatela di buonismo con cui spesso cerca di avviluppare e coprire i suoi interessi personali.

Da ultimo è strano che Zinga pensi alla D’Urso quando il suo ruolo di leader Pd è in bilico. Forse il governatore dovrebbe pensare alla défaillance subita con la caduta del governo Conte piuttosto che perdere tempo in lecchinaggi mediatici che gli fanno perdere di autorevolezza anche tra i suoi sostenitori.