Il No Vax indagato a Palermo nell’inchiesta sulle false vaccinazioni era un militante della Lega. Ad agosto aveva partecipato ad una cena con Salvini.

Filippo Accetta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Filippo Accetta, il No Vax arrestato a Palermo nell’ambito dell’inchiesta sulle false vaccinazioni che oggi ha portato al fermo di tre persone (leggi l’articolo), ad agosto era tra i partecipanti alla cena promossa dalla Lega che vedeva come ospite anche il suo leader Matteo Salvini. Accetti è ritratto in una foto, scattata al “Taco Loco” di Palermo, proprio insieme al Capitano.

La serata era stata organizzata dal deputato regionale Vincenzo Figuccia, segretario provinciale della Lega a Palermo, al quale il leader dei No Vax era molto legato fino a due mesi fa. Ci sono anche video e manifesti che testimoniano il legame dello stesso Accetta con la Lega, in particolare quelli che mobilitarono il Carroccio per il referendum sulla giustizia con lo slogan “Chi sbaglia paga”.

I rapporti tra la Lega e il No Vax, ora finito nei guai insieme a un’infermiera per le false vaccinazioni all’ospedale civico di Palermo, si sarebbero successivamente interrotti. “Ultimamente si era dato ai No Vax”, dice il deputato regionale Figuccia, che preferisce non aggiungere altro.

Accetta, originario dello Zen, ex leader degli ambulanti, nel gruppo di ex detenuti e disoccupati “Sentinelle del verde”, per quanto se ne sa era pronto anche a candidarsi alle prossime elezioni comunali a Palermo. Ci sono anche dei volantini che lo ritraggono con la scritta “candidato al Comune di Palermo 2022”.

In un video Su TikTok Accetta finge di vaccinarsi con una boccetta di un prodotto per il corpo della Johnson & Johnson. “Anche Filippo Accetta si è vaccinato Johnson – dice nel video – poi dice che sono No Vax. Io mi vaccino perché credo al vaccino. Se non ci credete vedete. Mi sono vaccinato ora. Ho la febbre”.

“Dall’operazione della Digos di questa mattina a Palermo che ha portato all’arresto di un gruppo di No Vax che truffava sui vaccini emerge un quadro inquietante: il rapporto consolidato tra il leader, Filippo Accetta, e la Lega di Salvini” commenta il presidente dell’Assemblea nazionale di +Europa, Fabrizio Ferrandelli. “Accetta – aggiunge – è ben noto alle cronache palermitane per la spregiudicatezza con cui cavalca il malcontento cittadino fino ad assumere atteggiamenti intimidatori verso istituzioni e forze dell’ordine”.

“Il fatto che poi un personaggio così – aggiunge Ferrandelli – avesse accesso nell’organizzazione della campagna vaccinale deve essere chiarito quanto prima. Ma è ancora più urgente capire, tanto più in vista delle elezioni, quali sono i rapporti tra Accetta e la Lega. Perché Palermo si merita di più di un fronte sovranista che mai ha voluto bene al sud e ora arruola tra le sue fila pure questi personaggi. Salvini spieghi ai palermitani i suoi rapporti e quelli della Lega con questo signore”.

Leggi anche: False vaccinazioni all’Ospedale civico di Palermo. Fermata dalla Polizia un’infermiera che in cambio di denaro faceva finta di inoculare le dosi. Nei guai anche il leader dei No Vax.