Nomine & rinvii. Salta il vertice previsto per oggi tra Conte, Tria, Di Maio e Salvini. Serve altro tempo per sciogliere i dubbi su chi dovrà guidare aziende chiave per il futuro del Paese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Era stato fissato per oggi alle 15. Ma il vertice sulle nomine alla fine è saltato. Ufficialmente per altri impegni istituzionali di chi avrebbe dovuto partecipare. Oltre al premier, Giuseppe Conte, ci sarebbero dovuti essere il ministro dell’Economia, Giuseppe Tria, e i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Quasi a voler prendere le distanze SAlvini ha così commentato la notizia del rinvio: “Non sapevo che fosse stato convocato, non so neanche che sia stato sconvocato. Non sono io che li convoco, non sono io che li sconvoco”. E ancora, alle domande sui nomi per Cdp, risponde: “Non seguo io il dossier”.

Altro tema caldo al centro delle trattative è la partita per la Rai su cui oggi è intervenuto Roberto Fico.  Il presidente della Camera si è soffermato sulla commissione di Vigilanza Rai, dicendosi convinto che la legge vada cambiata: ‘E’ sbagliato – riflette – che il governo nomini due Consiglieri e l’amministratore delegato”.