Non c’è Speranza per un Governo di scopo. L’esponente di Liberi e Uguali frena Grasso: nessun accordo con Renzi e il Cav

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Èstato necessario l’intervento di Roberto Speranza per mettere una pezza all’intervento di Pietro Grasso che nei giorni scorsi aveva aperto a un Governo di scopo con Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Quelle dichiarazioni avevano disorientato, e non poco, gli elettori di Liberi e uguali, visto che il presidente del Senato, in prima battuta, aveva affermato: “Noi siamo una forza di sinistra responsabile di Governo, se ci dovesse essere questo scopo e il presidente Mattarella ce lo chiedesse noi saremmo disponibili”. Pur chiarendo che l’apertura sarebbe finalizzata soltanto a varare una nuova legge elettorale per tornare alle urne.

Certo è che un’apertura del genere ha rappresentato un vero autogol. Ecco perché, intervistato dall’HuffPost, Speranza ha chiuso ogni apertura di credito verso Pd e Forza Italia. Così alla domanda di possibili alleanze con i due, senza esitare, ha risposto seccamente: “Mai”. Precisando che per cambiare le leggi elettorali “basta confrontarsi seriamente in Parlamento”. E dopo le parole di Speranza, chiudendo la sua campagna elettorale a Palermo, anche Grasso sembra essere tornato sui suoi passi e così, quasi a smentire sé stesso, stavolta ha bloccato l’ipotesi di partecipare a un esecutivo targato Berlusconi-Renzi. Tornando a Speranza qualche possibile, seppur debole, apertura l’ha mostrata verso i 5 Stelle: “Ci confronteremo a partire dal nostro programma e dai nostri valori. Vogliono ripristinare le tutele dell’art 18? Ecco i nostri voti”.