Il voto di scambio “a mia insaputa”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Disco verde del Senato con 168 sì al ddl sul voto di scambio politico mafioso, 4 i “no” e 66 astenuti. La maggioranza si divide e la Lega si astiene. Ora il provvedimento deve tornare alla Camera perché il testo era stato modificato a Palazzo Madama. Salta il termine “consapevolmente”. A volere il ripristino dell’avverbio erano Ncd, Forza Italia, Gal e Scelta civica. In buona sostanza, la discriminante del rapporto tra politico e mafiosi non è nell’essere o meno consapevoli della provenienza criminale dei voti, ma il solo fatto di averli ricevuti. Non un dettaglio, visto che senza quell’avverbio i magistrati possono condannare anche il politico di cui non si possa provare in tribunale la conoscenza della reale natura di chi gli ha offerto i voti. Per Forza Italia, però, così facendo “si è di fatto normato il reato di concorso esterno”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA