Non siamo più nemmeno un paese per immigrati. Un lavoratore straniero su 4 vuole lasciare l’Italia. Salari più bassi orari massacranti Lavori senza possibilità di carriera. E diritti al minimo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Franco Rossi

Un immigrato su quattro sta pensando seriamente di lasciare il nostro Paese. Perché? Semplice: i salari sono più bassi, orari più lunghi e meno diritti sul lavoro; gli impieghi sono dequalificati con peggiori condizioni di vita. In sostanza sono gli effetti della crisi economica sulla condizione lavorativa dei migranti, così come emerge dalla ricerca “Qualità del lavoro e impatto della crisi tra i lavoratori immigrati”, realizzata dall’Associazione Bruno Trentin-Isf-Ires della Cgil. Effetti che, secondo la ricerca, portano il 45,6% degli intervistati, più di 4 su 10, a pensare di dover emigrare ancora. La ricerca descrive drammaticamente la qualità del lavoro degli immigrati in gran parte sminuito, senza la possibilità di progredire nella carriera e che rimane fortemente confinato nei settori a minor valore aggiunto. Il sentimento vissuto dai più è quello della preoccupazione di perdere o non trovare un’altra occupazione. E’ una paura che accomuna la quasi totalità degli immigrati intervistata poiché il lavoro, oltre a garantire un reddito e una vita dignitosa, è la condizione senza la quale non è possibile soggiornare regolarmente nel nostro paese. Per l’85% degli intervistati, la crisi ha apportato dei peggioramenti nella condizione lavorativa. Ma, se da una parte il lavoro sta diventando meno retribuito e più discontinuo, dall’altra le condizioni di lavoro si fanno più rischiose (19,1%) e gli orari più lunghi (22,2%). Inoltre, una parte degli intervistati sente che la crisi sta provocando una più generale perdita dei diritti (12,8%) e aumentando il ricorso al lavoro irregolare (12,1%). La crisi, oltre ad avere avuto un forte impatto sul lavoro, sta, secondo la ricerca, producendo dei cambiamenti importanti anche in altri aspetti della vita dei migranti. Il 94% degli intervistati ha dichiarato che la crisi ha portato dei cambiamenti nel loro modo di vivere