Non solo Molise e Friuli: il 10 giugno alle urne 796 Comuni da Nord a Sud. Si vota anche a Roma per eleggere due mini sindaci

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Seggi aperti oggi in Molise e domenica prossima in Friuli-Venezia Giulia (in entrambi i casi per scegliere il nuovo governatore e rinnovare i consiglieri regionali), ma la lunga stagione elettorale inaugurata il 4 marzo con le Politiche non finisce qui.

Il prossimo appuntamento è con le Amministrative, riguarda in tutto 796 Comuni, coinvolge 7 milioni di elettori ed è anch’esso diluito nel tempo, anche se la data chiave è quella di domenica 10 giugno, con eventuale turno di ballottaggio due settimane più tardi, il 24 giugno. Domenica prossima si voterà nei comuni chiamati alle urne del Friuli – in concomitanza con le regionali -, il 20 maggio in Valle d’Aosta e il 27 maggio in Trentino Alto Adige. Il 10 giugno si apriranno i seggi per comuni e municipi delle regioni a statuto ordinario, in Sicilia e in Sardegna, ovvero in 591 dei 796 enti coinvolti: in ballo l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli.

Secondo l’ultimo aggiornamento del Viminale, gli elettori complessivamente interessati sono poco meno di 7,1 milioni, compresi i 291 mila chiamati a ridisegnare due Municipi (il terzo e l’ottavo) di Roma capitale.

Centoquattordici i comuni con oltre 15 mila abitanti, 21 i capoluoghi di provincia: si tratta di Ancona, Avellino, Barletta, Brescia, Brindisi, Catania, Imperia, Massa, Messina, Pisa, Ragusa, Siena, Siracusa, Sondrio, Teramo, Terni, Trapani, Treviso, Udine, Vicenza e Viterbo. Solo sei di queste città – Ancona, Brescia, Catania, Messina, Siracusa e Vicenza – contano più di 100 mila abitanti. Una curiosità: sarà la ‘prima volta’ alle urne per 17 nuovi comuni istituiti nel 2018 mediante processi di fusione amministrativa. Mentre con il rinnovo della Giunta e dei Consigli comunali delle regioni a statuto ordinario si applicheranno le norme in materia di contenimento delle spese degli enti locali che prevedono la riduzione del numero di consiglieri e degli assessori comunali.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA