Nostro anche il record di morti per smog in Ue. Il rapporto dell’Agenzia dell’ambiente ci stronca: 84.400 decessi nel 2012

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un altro triste primato negativo per il Belpaese. Che tanto bello poi non è dal punto di vista dell’inquinamento. Eh sì, perché l’Italia è il Paese dell’Unione europea dove si muore di più a causa dell’inquinamento dell’aria. A noi il triste record del numero di morti prematuri rispetto alla normale aspettativa di vita per l’inquinamento dell’aria. La stima è contenuta nel rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea). Basti guardare i numeri per vedere come nel corso dell’anno 2012 in Italia sono stati 84.400 decessi causati dall’inquinamento, su 491mila in tutti i Paesi dell’Ue. Tre i ‘killer’ sotto accusa: micro polveri sottili (Pm2.5), biossido di azoto (NO2) e ozono (O3), a cui lo studio attribuisce rispettivamente 59.500, 21.600 e 3.300 morti.