Nuova tegola sul Nuovo Centrodestra e sulla maggioranza di Governo. Chiesto l’arresto del senatore Azzollini per il crac della casa di cura Divina Provvidenza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiesto l’arresto del senatore del Nuovo centrodestra Antonio Azzollini per il crac della casa di cura Divina Provvidenza. La richiesta di arresto è già stata notificata in parlamento. Mentre i finanzieri hanno arrestato 10 persone (anche due suore) coinvolte a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta e altri reati. L’indagine riguardano un crac da 500 milioni ai danni della Congregazione Ancelle Divina Provvidenza, con sedi a Bisceglie (Bat), Foggia e Potenza, oggi in amministrazione straordinaria ai sensi della legge Prodi bis. Sono stati sequestrati 32 milioni e un immobile che, secondo gli inquirenti, sarebbero stati intestati fittiziamente, ad altri enti ecclesiastici paralleli.