Nuovi Casini sui campionati sportivi. Scudetto a tavolino ai primi in classifica. L’ex Dc e la Fedeli hanno altro che il Covid-19 a cui pensare. E propongono i titoli alla Juve e alla Virtus Bologna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Triplice fischio finale prima del tempo. Questa è l’idea, complice l’emergenza coronavirus, proposta da due senatori, Pier Ferdinando Casini e Valeria Fedeli, che porterebbe all’assegnazione del titolo a chi, nella rispettiva competizione, è oggi primo in classifica. Nel caso più conosciuto, cioè quello della Serie A, significherebbe assegnare l’ennesimo scudetto alla Juventus di Maurizio Sarri con buona pace delle speranze di Lazio e Inter. È questo il contenuto di un’interrogazione parlamentare depositata dai due senatori a Palazzo Madama e rivolta, ovviamente, al ministro per lo Sport, Vincenzo Spadafora che, a quanto pare, deve fare i conti non solo con le turbolenze interne al Coni e alle singole federazioni sportive, ma anche alle richieste curiose che arrivano dal Parlamento.

STRANA COINCIDENZA. Tutto nasce dal fatto, per come spiegato dagli stessi senatori interroganti nell’atto, “diverse Federazioni sportive hanno ritenuto di sospendere prima, e poi definire conclusi, i campionati delle relative discipline”. È il caso ad esempio del basket: in questo caso la Fip (Federazione Italiana Pallacanestro) ha deciso di sospendere i campionati e di ritirare lo scudetto. Nell’interrogazione, però, si sottolinea come “considerata l’esperienza analoga di altri Paesi (ad esempio del Belgio per quanto riguarda il campionato di calcio)”, sarebbe “opportuno proporre al Coni e alle Federazioni sportive di assegnare i titoli di vincitori delle competizioni in corso a quelle società che, nel momento attuale, si trovano ad essere in testa ai relativi campionati”.

Domanda: quale squadra è attualmente prima in classifica nella Serie A della pallacanestro? Il Virtus Bologna, di cui il bolognese Casini pare essere fan sfegatato. E resta proprio il dubbio se quest’atto non possa, qualora dovesse ottenere favori da parte di Spadafora e del Governo, in qualche modo rivedere la decisione della Fip e, appunto, assegnare il tanto ambito e agognato scudetto alla squadra bolognese, città natale di Casini. C’è poi, come detto, la Serie, senza ombra di dubbio il torneo sportivo più ambito e seguito. E qui sarebbe la Juventus a gongolare.

Per ora dichiarazioni ufficiali (o ufficiose) non ce ne sono, ma basta andare sui social per vedere come la proposta di Casini e della Fedeli sia stata diversamente commentata, con chi sottolinea che in effetti, vista la fase di stallo e l’emergenza che non si sa ancora per quanto tempo durerà, sarebbe meglio a questo punto premiare chi in più di metà campionato è riuscito a guadagnarsi il primo posto; ma c’è anche chi commenta che sarebbe un’ingiustizia per quelle squadre e quei giocatori che stanno inseguendo il sogno e, casomai, sono a soli pochi punti dal primo posto. Entrambe posizioni legittime. Se non fosse che, probabilmente, di sport in questo periodo si potrebbe anche semplicemente non parlare.