Nuovi guai in Via Bellerio. Altro rinvio a giudizio per Centemero. Il tesoriere della Lega è accusato di aver violato la legge sul finanziamento ai partiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per il tesoriere e deputato della Lega Giulio Centemero (nella foto). È accusato di aver violato la legge sul finanziamento ai partiti, in relazione a un presunto finanziamento da 40mila euro concordato, tra il 2015 e il 2016, con il patron di Esselunga Bernardo Caprotti (morto nel 2016): sarebbe dovuto andare all’associazione “Più Voci”, di cui Centemero era legale rappresentante, e invece, secondo l’accusa, fu destinato al partito per coprire gli ammanchi di Radio Padania. Centemero è indagato anche nell’inchiesta romana, chiusa nelle scorse settimane, su un altro presunto finanziamento illecito da 250mila euro, sempre all’associazione ‘Più voci’, da parte dell’imprenditore romano Luca Parnasi.