In arrivo un nuovo rinvio per le cartelle e la rottamazione quater. Quattro milioni quelle in notifica entro l’anno. La metà è sotto i 300 euro

cartelle esattoriali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In arrivo un nuovo rinvio per le cartelle esattoriali e forse ci sarà una una rottamazione quater. Il Governo ha accolto la richiesta, giunta M5S, Lega Forza Italia, di prorogare le cartelle riferite al periodo dell’emergenza fino a giugno 2022. Circa metà dei 4 milioni che verranno notificate da qui alla fine dell’anno, hanno fatto sapere fonti dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, è sotto i 300 euro, mentre il 60% del totale non raggiunge i 500 euro. Solo il 10% supera i 5mila euro.

A settembre l’attività di riscossione è ripartita gradualmente. Dal primo settembre l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha ripreso a notificare milioni di cartelle congelate da marzo 2020 per via dell’emergenza Covid e poi rinviate, con vari decreti, fino alla fine di agosto. Le cartelle bloccate sono circa 20-25 milioni e solo per 4 milioni ripartiranno le notifiche da qui alla fine dell’anno, ma saranno spalmate nei quattro mesi che vanno da settembre a dicembre.

“La mediazione tre le forze politiche e il governo – affermano Vita Martinciglio e Giovanni Currò, capogruppo e vicepresidente M5S della commissione Finanze – ha portato a un importante ordine del giorno che recupera letteralmente le proposte del Movimento 5 stelle in tema di rinvio delle cartelle esattoriali riferite al periodo emergenziale, di predisposizione di una Rottamazione Quater e di sospensione degli obblighi di accantonamento riguardanti i pignoramenti presso terzi”.