L’Ocse vede nero. In Italia crescita zero nel 2020 è la migliore delle ipotesi. Pil globale rallenta al 2,4%. Il Coronavirus è una minaccia senza precedenti per l’economia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il rischio Coronavirus incombe sull’economia mondiale. La crescita del Pil globale dovrebbe rallentare ulteriormente, al 2,4% nel 2020, contro il 2,9% del 2019. E’ quanto afferma l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), presentando, a Parigi, l’Interim Economic Outlook 2019. La previsione viene tagliata di 0,5 punti rispetto alle precedenti previsioni di novembre. A cominciare dalla Cina, ormai stimata sotto la soglia del 5% (4,9%) di Pil nel 2020, prima di una prevista risalita oltre il 6% nel 2021.

Il Coronavirus è “il più grande pericolo” dai tempi della crisi finanziaria ed espone l’economia mondiale “ad una minaccia senza precedenti”, ha avvertito l’Ocse. Il documento propone due scenari: Uno più favorevole, in cui l’impatto dell’epidemia viene globalmente limitato, e un secondo scenario, il cosiddetto ‘effetto domino’, con un contagio più generale. In entrambi i casi, l’Ocse si appella ai poteri pubblici affinché “agiscano immediatamente per limitare la propagazione del virus”.

Non va sul versante italiano. “La nostra principale preoccupazione, per quanto riguarda l’Italia, è stata sempre quella di trovare un modo per accelerare la crescita”, rendendola più “elevata” e “sostenibile”, ha detto l’economista dell’Ocse, Laurence Boone. “Ovviamente – ha aggiunto – non possiamo dire che il Coronavirus sia una buona notizia”. Per la Boone la crescita zero in Italia, stimata nelle previsioni intermedie 2020, è attualmente il “best case scenario”, cioè “la migliore delle ipotesi” su cui può sperare il nostro Paese.