Oltre 240 parlamentari M5S chiedono all’Inps di fare i nomi dei furbetti. Salvini: “Chiunque l’abbia chiesto sarà sospeso o non sarà ricandidato”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono oltre 240 le dichiarazioni che i parlamentari M5S, raccogliendo l’invito di Di Maio e Crimi, hanno inviato al Movimento per rinunciare alla privacy (ostacolo però già superato dopo il pronunciamento del Garante) e chiedere all’Inps di fare i nomi di chi ha chiesto ed eventualmente ottenuto il bonus Iva. “Il bonus ai parlamentari? Ho dato indicazioni a chiunque l’abbia chiesto o incassato che venga sospeso, e per i consiglieri regionali di non essere ricandidati” ha detto, invece, ad Agorà il leader della Lega, Matteo Salvini. “Vorrei sapere dal presidente dell’INPS – ha aggiunto – come ha fatto a negare i 600 euro a un commerciante o a chi aveva bisogno, e a pagarlo a un parlamentare, comunque chi sbaglia paga. Dimissioni di Tridico? Non faccio processi a nessuno, domanderemo al presidente dell’INPS perché non ha pagato la cassa integrazione a migliaia di lavoratori”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA