Oltre 32mila nuovi casi e 731 vittime nelle ultime 24 ore. Mai così tante da aprile. Rezza: “Quadro stabile ma quello dei decessi è un dato molto negativo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Crescono ancora, rispetto all’ultima rilevazione di ieri, i nuovi casi di Coronavirus in Italia. Sono 32.191 (ieri erano 27.354) i nuovi contagiati a fronte di 208.458 tamponi. Impennata dei decessi, tanto che la giornata di oggi segna un record nella seconda ondata autunnale: 731 decessi contro i 504 di ieri. Mai così tanti dai primi giorni di aprile. Migliora, invece, il rapporto tra positivi e tamponi è al 15,47%, due punti e mezzo in meno rispetto a ieri (era al 17,92%).

Gli attualmente positivi, secondo quanto riferisce il bollettino giornaliero del ministero della Salute, sono 733.810 (+16.026). Sul fronte ospedaliero, il numero dei ricoverati sale a 33.074 (+538), dei quali 3.612 (+120) in terapia intensiva. I malati in isolamento domiciliare sono 697.124. La regione più colpita resta la Lombardia con 8.448 nuovi contagiati, seguita da Veneto (3.124) e Campania (3.019).

“Abbiamo un quadro stabile con una lieve diminuzione dei postivi – ha commentato il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza -, ma con indicatori sui ricoveri e i decessi che non sono buoni e che rappresentano la conseguenza dei casi cumulatisi in queste settimane. Al momento comunque non c’è una crescita dell”epidemia, ma forse una leggere diminuzione”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA