Omicidio stradale, il testo supera l’esame del Senato. Ma il Governo viene battuto due volte. Ora la palla passa alla Camera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Governo battuto due volte in Aula sull’omicidio stradale. Il governo aveva dato parere contrario su tre emendamenti: il 114, il 115 e il 117 (il 114 e il 115 però sono uguali e c’è stata una sola votazione), ma l’Aula li ha approvati comunque. Il relatore Giuseppe Cucca si era rimesso all’Aula. Alla fine il provvedimento ha avuto il via libera e passa ora all’esame della Camera.

Con il nuovo testo chi guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’effetto di droghe e causa la morte di una persona è punito con la reclusione da 8 a 12 anni; pena che arriva a 18 anni in caso di omicidio plurimo. Pene severe anche per chi provoca la morte di una persona in seguito a una manovra pericolosa, anche se non si è sotto l’effetto di alcol o droga. E’ prevista inoltre la revoca della patente, che a seconda dei casi, può arrivare ad un massimo di 30 anni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I 5S al bivio della loro storia

Come i capponi di Renzo, che se le davano di santa ragione mentre era già pronta la loro pentola, nei Cinque Stelle si menano come fabbri incuranti del barbecue che li attende, gentilmente offerto dalle élites finanziarie del Paese con i loro camerieri di destra

Continua »
TV E MEDIA