Omicidio-suicidio ad Albano Laziale. Carabiniere uccide la moglie davanti la scuola dove insegnava. Subito dopo si è tolto la vita con un colpo di pistola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tragedia ad Albano Laziale vicino Roma. Un carabiniere di 50 anni ha ammazzato la moglie davanti alla scuola dove la donna lavorava alle materne. L’ha aspettata all’uscita e dopo aver scambiato poche parole con lei ha azionato il grilletto colpendola con alcuni colpi di pistola alla testa. Poi si è puntato l’arma al petto e ha fatto fuoco. Portato in gravissime condizioni all’ospedale di Albano è morto poco dopo. La donna aveva 47 anni. Alla base del folle gesto ci sarebbe la crisi della loro storia d’amore. La coppia ha anche due figli di 17 e 14 anni. All’omicidio avrebbero assistito anche molte persone, forse anche qualche bambino che frequentava la scuola. Dalle prime informazioni raccolte sembrerebbe che non ci fossero stati in tempi recenti episodi così gravi da far temere gesti eclatanti. 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA