La Omicron è meno grave delle altre varianti ma va fermata. Locatelli: “Siamo in una fase di crescita pressoché esponenziale dei contagi”

Omicron Locatelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Servirebbe la sfera di cristallo”. Così il coordinatore del Comitato tecnico scientifico e primario del Bambin Gesù, Franco Locatelli, rispondendo a una domanda sulle previsioni relative alla pandemia per il 2022.

“Siamo in una fase di crescita pressoché esponenziale dei contagi – ha detto Locatelli a Repubblica -, L’incidenza settimanale per 100mila abitanti è più che raddoppiata in 7 giorni, passando da 350 a 783. Se è vero che il 20 dicembre l’Istituto Superiore di Sanità stimava Omicron al 21%, oggi siamo su valori superiori sia per la maggiore contagiosità che per l’incubazione più breve”.

“Non sposerei assolutamente l’idea di lasciar correre il virus – prosegue Locatelli -. Anche se i dati dei ricercatori inglesi mostrano che con Omicron i ricoveri sono ridotti a un terzo, un aumento marcato dei contagi avrebbe un impatto pesante sul sistema sanitario. Anche con sintomi meno severi un’ondata incontrollata porterebbe a una crescita di ricoveri e vittime. In Italia 1,3 milioni di persone sopra ai 60 anni non sono vaccinate”.

“L’obbligo? E’ una scelta che spetta alla politica perché non ha valenze solo sanitarie – ha aggiunto Locatelli -, ma anche etiche e sociali. Sono sempre stato un fautore del vaccino facoltativo. Ora però da tecnico della sanità dico che le condizioni sono mature per l’obbligo per rispondere alle esigenze di salute dei pazienti con Covid o con malattie diverse”.

“Dobbiamo adottare tutte le misure per la prevenzione dei contagi anche per mantenere gli ospedali funzionali. Non c’è solo il Covid. Le altre malattie continuano ad aver bisogno di risposte adeguate” ha concluso il coordinatore del Comitato tecnico scientifico.

Leggi anche: Altre 4 regioni da domani entrano in zona gialla. Insieme a Piemonte, Lazio e Sicilia c’è anche la Calabria dove da oggi 11 comuni sono arancioni.