Open Arms, dall’Italia nessuna richiesta d’aiuto alla Commissione Ue. Bruxelles: “Situazione insostenibile. Serve urgentemente una soluzione stabile”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Commissione Ue “accoglie con favore la solidarietà mostrata da sei Stati membri” favorevoli ad accogliere parte dei migranti della Open Arms, ed è “molto grata della collaborazione di Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, Romania e Spagna”. Ma ancora non ha ricevuto richiesta di aiuto dagli Stati membri e quindi “resta pronta a fornire coordinamento e sostegno operativo sul terreno non appena ci verrà richiesto e non appena si sarà trovata una soluzione sullo sbarco”. Lo ha detto un portavoce della Commissione europea, ricordando che “la situazione di persone bloccate in mare è insostenibile e ci ricorda ancora una volta che serve urgentemente una soluzione stabile per assicurare che le persone possano sbarcare rapidamente e in sicurezza e avere l’assistenza che serve”.

Bruxelles precisa, inoltre, che “non è responsabilità di uno o due Stati membri, ma di tutta l’Unione”. “Nel frattempo invitiamo gli Stati membri a facilitare e a compiere progressi su soluzioni temporanee” per quanto riguarda la Open Arms e le altre imbarcazioni ancora in mare con a bordo migranti, come la Ocean Viking. “La Commissione è pronta a sostenere operativamente e finanziariamente” le soluzioni che i Governi vorranno mettere in campo, ha aggiunto. Per quanto riguarda l’emergenza attuale, però, Bruxelles non ha molto margine di manovra: “Lo sbarco non è competenza della Commissione. Quello che possiamo fare è trovare una soluzione per la redistribuzione dei migranti, e questo crea le condizioni per prendere le decisioni sullo sbarco”. Ma “procediamo solo con una richiesta formale” dei Governi, che finora non c’è stata, ha concluso il portavoce.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA