Operaio spara al figlio di 11 anni e si toglie la vita nel torinese. L’annuncio su Facebook: “Partiamo per un lungo viaggio, dove nessuno ci potrà dividere”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tragedia nella notte a Rivara Canavese, in provincia di Torino, dove attorno alle 2 dentro casa sua, un italiano di 47 anni, ha sparato al figlio di anni 11 e poi, con la stessa arma si è ucciso. L’uomo, un operaio presso in un’azienda meccanica, ha utilizzato una pistola non legalmente detenuta. I carabinieri stanno eseguendo rilievi e analisi sulla scena del crimine per risalire anche alle cause del gesto. Inutili i soccorsi del 118. Claudio Baima Poma, questo il nome dell’uomo, prima del gesto ha pubblicato su Facebook un lungo post, rivolto alla moglie Iris, per spiegare l’origine dell’omicidio e del successivo suicidio.

La vita di famiglia viene raccontata come idilliaca, fino a quando l’uomo ha iniziato ad avere problemi alla schiena e alla gamba. Di qui, spiega l’uomo un inizio di depressione, che lo ha portato ad allontanarsi dalla moglie, che gli aveva chiesto di sposarsi. Panico, tachicardia e stanchezza, “ho la mente distrutta” ammette, di qui la separazione progressiva dalla donna e la crisi.

“Non ci mancava nulla per poter fare una vita serena” spiega l’uomo. Si entra poi nel dramma di queste ore, in cui entra in gioco il figlio Andrea: “Partiamo per un lungo viaggio, dove nessuno ci potrà dividere, lontano da tutto, lontano dalla sofferenza”. L’uomo ammette “di aver perso la battaglia contro la depressione” e aggiunge, che “potrai separare i nostri corpi ma non le nostre anime” riferendosi al figlio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA