Ora Il Cairo cambia strategia. I pm italiani vanno in Egitto. Le indagini sull’omicidio saranno congiunte. Anche l’Ue chiede verità: Roma abbia tutti i documenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
di Marcello Di Napoli
L’Egitto sembra aver cambiato idea sul caso Regeni. La Procura di Roma ha infatti reso noto che finalmente il Cairo si è detto disponibile ad accettare le indagini congiunte con il nostro Paese per quanto riguarda la morte del giovane italiano. La trasferta dei pm romani al Cairo, secondo Pignatone, è finalizzata anche a “individuare ulteriori modalità di collaborazione tra le due autorità giudiziarie nell’interesse dei rispettivi Paesi”. Insomma, una svolta importante che potrebbe aiutare finalmente a far luce sulle molte ombre che continuano a circondare il caso.
LA CONDANNA – Strasburgo, infatti, ha fortemente criticato la magistratura egiziana, e di conseguenza alla leadership del Paese nordafricano. Il Parlamento si è unito a una condanna diffusa contro la scarsa collaborazione del Cairo, che nonostante abbia promesso di fare tutto il possibile per fare chiarezza sull’uccisione di Regeni non pare però troppo intenzionata a permettere agli investigatori italiani di fare il proprio lavoro. La risoluzione che è arrivata da Strasburgo “condanna con forza la tortura e l’assassinio” del giovane ricercatore italiano, ma difficilmente avrà un peso concreto. D’altro canto, la riunione di Strasburgo ha posto tuttavia l’attenzione su una questione: l’Egitto non sta fornendo “alle autorità italiane tutti i documenti e le informazioni necessarie”. Un punto su cui si è espressa solo pochi giorni fa anche la procura romana. Lunedì la magistratura italiana ha chiesto che al team investigativo (uomini dello Sco e del Ros) presente al Cairo sia fornito tutto quanto è necessario per capire le circostanze esatte in cui Regeni è sparito ed è stato prima torturato e poi ucciso. Agli atti forniti finora mancano quantomeno i dati delle celle telefoniche e i video delle telecamere di sorveglianza presenti sul percorso compiuto dal giovane prima della sua sparizione, il 25 gennaio.
LE ACCUSE – Da Strasburgo, inoltre, hanno sottolineato anche un punto non trascurabile. Chiunque abbia trattenuto e ucciso Regeni – e responsabilità dello Stato sono tutto tranne che escludibili – il caso dell’italiano “non è un incidente isolato ma è accaduto in un contesto di torture, morti in carcere e aumento delle scomparse in Egitto negli ultimi anni”. Accuse che presupporrebbero una risposta. Ma che al Cairo continuano a non fare né caldo né freddo.
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra i 5S e il ponte

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA