L’oracolo di Cottarelli. Allarme spread a 400 che però è sotto quota 300. Il premier mancato trova ogni giorno un pretesto per entrare a gamba tesa nelle questioni di Governo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non passa giorno che il premier mancato, Carlo Cottarelli, non trovi un pretesto per entrare a gamba tesa nelle questioni di Governo di cui ha saggiato solo l’anticamera. Ma sempre più spesso gli capita di stonare. Ieri per dire ha lanciato l’allarme spread a 400 nonostante il differenziale tra Btp e Bund tedeschi sia da due giorni sotto quota 300. “Se i toni della discussione con l’Europa si tranquillizzano nell’immediato può succedere che lo spread scenda, ed è già sceso un pochino. L’importante è fare qualcosa perché lo spread da 300 non salga a 400”. L’attento osservatore dei Conti Pubblici dell’Università Cattolica di Milano, è sempre un passo avanti. “Io rimango con le mie perplessità sulle qualità e all’effetto di questa legge di bilancio”. L’oracolo ha parlato.