Ore da incubo in Nuova Zelanda. Rischio tsunami dopo terremoto di manitudo 7.8. Cittadini in fuga dalle coste e dalla Capitale

dalla Redazione
Mondo

Nuova Zelanda a rischio. Dopo un potente terremoto che ha raggiunto la magnitudo 7.8, ora è rischio tsunami. Le autorità, non a caso, hanno annunciato che sono state segnalate le prime onde sulla costa orientale. Secondo la protezione civile neozelandese le prime onde “potrebbero non essere le più alte. Ma ne seguiranno tante nelle prossime ore”. Migliaia di persone sono state evacuate dal centro della capitale, Wellington, e da tutte le aree di costa bassa nella parte est della South Island.

La forte scossa è stata avvertita in tutta la Nuova Zelanda. Un’allerta tsunami è stata diramata dalla protezione civile neozelandese per tutta la costa orientale della South Island. “Chiunque si trovi in quella zona, si sposti immediatamente verso l’interno”, scrive la protezione civile sul suo account Twitter precisando di avere problemi sul sito e quindi che continuerà a fornire informazioni sui social media. In un primo momento, l’allerta tsunami era stata esclusa.

La scossa, avertita dalle reti sismiche di tutto il mondo, è stata localizzata nella South Island della Nuova Zelanda. L’epicentro è in terra, ma data la grandezza della faglia attivata il terremoto ha dislocato il fondale oceanico con la generazione di uno tsunami. Calcolata un’onda di circa due metri, ha spiegato il sismologo dell’Ingv Alessandro Amato. Il Centro Allerta Tsunami (CAT) dell’INGV, che opera istituzionalmente per i terremoti del Mediterraneo ma che effettua anche il monitoraggio a scala globale, ha determinato per questo evento un magnitudo di poco superiore a 8.

La città neozelandese di Christchurch, vicina all’epicentro, si trova in una zona ad alto rischio sismico: il 22 febbraio del 2011, una scossa di magnitudo 6,3 causò 185 morti, oltre mille feriti, e gravi danni a molti edifici cittadini. Cinque mesi prima, il 3 settembre 2010, una scossa più forte (7.0) aveva provocato solo qualche ferito. L’alto numero di vittime e i danni ingenti nella scossa del febbraio 2011 furono causati anche dal fatto che molti edifici erano stati lesionati dal terremoto precedente.