Ottobre a tutto jazz nella Capitale: torna il festival e Roma si trasforma in New Orleans. A novembre via ai grandi concerti al PalaLottomatica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La sublime voce di Diana Krall.  L’improvvisazione geniale al piano di Stefano Bollani. La spiritualità di uno dei più grandi pianisti della storia del jazz, Armando “Chick” Corea. Non solo musicisti, ma veri mostri sacri. Perché, come dice lo slogan di quest’anno del Roma Jazz Festival che si terrà dal 5 ottobre al 28 novembre, “jazz is my religion”. Un atto d’amore, un verso questo tratto da una poesia dello scrittore americano Ted Joans. Ed è proprio sulle sue tracce che quest’anno il festival vuol celebrare il jazz come una grande forza che, secondo le parole del direttore generale Unesco Irina Bokova, veicola “un messaggio universale di pace, che armonizza ritmo e significato, che porta valori significativi per ogni uomo e donna, che fornisce opportunità uniche per la comprensione reciproca, attraverso l’ascolto, la riproduzione, l’improvvisazione”. Ma quest’anno il festival vivrà anche di importanti amarcord, per la commemorazione di dati fondamentali nella storia del jazz: i cent’anni dalla pubblicazione del primo disco di jazz, il centenario dalla nascita di Thelonious Monk, Ella Fitzgerald e Dizzy Gillespie, il cinquantenario della scomparsa di John Coltrane.

E allora eccoli, i grandi del jazz alternarsi in concerti ed esperimenti, come solo la musica che fu degli afroamericani sfruttati, sa e può regalare. Tigran Hamasyan, armeno, classe 1987, è riuscito ad esempio a fondere il linguaggio del jazz con la sua tradizione nativa. E poi le origini. L’Africa, grande madre ancestrale del jazz, ha prodotto di per sé pochi jazzisti. Ma l’Etiopia è terra di musica e sfruttamento. E allora spazio a Mulatu Astatke, il primo africano a studiare alla Berklee, nonché a suonare con Duke Ellington con il suo vibrafono. Senza dimenticare Corey Henry & The Funk Apostles, che torneranno alle radici “ecclesiastiche” del jazz, parte fondante del genere insieme alla corrente blues. E non mancheranno, come richiede l’occasione, virtuosismi eclettici, come quelli che sicuramente regaleranno Kenny Barron, Dado Moroni, Cyrus Chestnut e Benny Green: quattro maestri e solo due pianoforti nel loro personalissimo omaggio a Theolonious Monk.

Niccolò_FabiMa non è tutto. Perché, dopo la brevissima pausa dai concerti estivi, a brevissimo riprenderanno i grandi eventi in teatro. E anche qui l’attesa è palpabile per alcuni concerti che già hanno fatto parlare di loro. A cominciare dai tanti nomi pesanti che si alterneranno al Palalottomatica a partire da novembre. Tornerà Caparezza nella sua ultima produzione (Prisoner 709), che ha riscosso apprezzamento da parte della critica soprattutto per la maturità cui è giunto il cantante. E poi Niccolò Fabi che il 26 novembre farà rivivere venti anni di carriera a tutti in suoi fans già in trepidazione. Fans, per inciso, che per un attimo qualche giorno fa hanno tremato: dopo un’intervista rilasciata a La Stampa, si era sparsa la voce che dopo il gran concerto Fabi si sarebbe ritirato a vita privata. Sospiro di sollievo: una bufala e niente altro. Ultima nota sugli artisti internazionali che si alterneranno al Palalottomatica: da Nick Cave a James Blunt fino a Brian Adams.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA