Ottomila comuni sono troppi. Parola di Carlo Cottarelli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Mister Forbici torna all’attacco. “Ottomila comuni sono troppi, bisognerebbe pensare ad una riduzione che renda più facile il coordinamento”. A dirlo è stato il commissario alla Spending review Carlo Cottarelli in audizione alla commissione sull’anagrafe tributaria. Bisognerebbe anche prevedere “un meccanismo premiale per i comuni che si mettono assieme”.

Il tema della riduzione delle amministrazioni locali è stato trattato nelle fasi iniziali della valutazione sulla spending review con Palazzo Chigi, “ma poi non si è più tornati sull’argomento”, ha precisato Cottarelli al termine dell’audizione. Un pizzico di insoddisfazione, dunque. La strada intrapresa già quest’anno sui costi standard delle amministrazioni pubbliche, però, “è quella da seguire. Penso che nel 2015 sia possibile utilizzarli”. Tuttavia, ha precisato, i costi standard, ha spiegato, vanno “di pari passo con la capacità fiscale standard. Penso possano essere in legge stabilità”.

Non è mancato lo spazio, però, per annunciare le sue prossie dimissioni: “Non vado via oggi – ha detto – resto fino al 31 ottobre”. Così Carlo Cottarelli, risponde ai cronisti che, a margine di un’audizione alla Commissione anagrafe tributaria, gli chiedevano se fosse già in partenza dopo l’esperienza in Italia come commissario alla spending review. Cottarelli si è infatti presentato nell’aula della Commissione con un trolley. “Sono soddisfatto”, ha quindi aggiunto lasciando il palazzo di San Macuto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA