Pace fiscale, lo sconto sale al 60% per chi chiude le liti pendenti. Passa in commissione Finanze al Senato un emendamento riformulato della Lega che ritocca la soglia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sanatoria delle liti pendenti più vantaggiose. Passa in commissione Finanze al Senato, presieduta dal leghista Alberto Bagnai, un emendamento riformulato del Carroccio che ritocca gli sconti per chi aderisce alla chiusura dei contenziosi con il fisco, già previsto dalla pace fiscale contenuta nel collegato alla manovra. Per chi vince in primo grado la lite sarà cancellata versando il 40% (la norma ora prevede il 50%) del valore della lite, senza sanzioni e interessi, in unica soluzione o rateizzando l’importo fino a 5 anni: lo sconto quindi sale al 60%. Chi invece vince in secondo grado e attende la Cassazione dovrà versare il 15% e non più il 20 come prevede ora il decreto fiscale. In caso di doppia vittoria, ovvero doppia conforme, il contribuente beneficerà del super-sconto del 95%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA