Pacta non servanda sunt. La legge elettorale è “morta”. I franchi tiratori fanno saltare il banco e il Pd accusa i 5 Stelle. Ed è giallo sul tabellone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Forse era facilmente prevedibile ma il patto a 4 tra Pd, M5S, Forza Italia e Lega Nord già è crollato. Al primo voto segreto della mattina in Aula alla Camera, infatti,  la maggioranza che aveva trovato un’intesa sulla legge elettorale è andata sotto. È stato un emendamento di Forza Italia – sul quale i relatori avevano espresso parere contrario – a mandare la finta maggioranza in frantumi: i favorevoli sono stati 270, i contrari 256 e gli astenuti soltanto 1.

Da qui sono scoppiate le polemiche. Subito dopo il voto dai banchi del Movimento 5 Stelle si è urlato “Libertà, libertà”. I franchi tiratori sono entrati in azione, insomma. Al che ha risposto il presidente dei deputati Pd Ettore Rosato: “Oggi il M5S ha dimostrato che la sua parola non vale nulla”. “La legge elettorale va fatta”, ha poi ammonito, condannando i franchi tiratori e chiedendo una sospensione della seduta.

A rispondere alle accuse ci ha pensato Danilo Toninelli: “Questo era un emendamento di giustizia perché applica la legge elettorale al Trentino. Cosa volevate, che il Trentino fosse un feudo del Partito Democratico? Il Movimento 5 Stelle non voterà mai contro norme di giustizia”.

Incisivo anche quanto scritto da Manlio Di Stefano (M5S) su Twitter: “36 assenti e circa 70 non votanti nel #PD. Maggioranza va sotto su #LeggeElettorale per colpa loro. #M5S compatto e serio”.

Durissimo Emanuele Fiano, il dem relatore della legge, che su twitter si scaglia contro i presunti colpevoli: “Sono stati i Cinquestelle a far fallire la Legge elettorale. Per pochi secondi il voto è stato palese, loro hanno votato a favore questa è la prova”. Ecco perché, conclude, “la legge elettorale è morta”.

A scusante, in casa M5s c’è chi però sottolinea che il suo gruppo aveva sostanzialmente annunciato il voto favorevole all’emendamento della contesa, (che riguardava i collegi elettorali in Trentino Alto Adige), con un intervento di Riccardo Fraccaro in Aula alla Camera poco prima della votazione segreta, come ribadito poi anche da Toninelli.

Voti non-segreti –  In mattinata il Movimento 5 Stella ha invitato i suoi deputati a riprendere il proprio voto e dimostrare al Pd che nel loro gruppo i franchi tiratori non esistono. Accusa mossa dal Partito Democratico dopo i 100 voti mancanti ieri alla Camera. L’ordine di scuderia però ha lasciato perplessi in molti. “Abbiamo letto sulle agenzie che i M5S filmeranno le votazioni segrete. Non vorrei scomodare la storia per ricordare che fu Benito Mussolini a abolire il voto segreto nella Camera de il Fasci e delle Corporazioni…”. Lo ha detto nell’Aula della Camera Antonio Laforgia chiedendo un intervento “deciso” della presidenza della Camera perche si rispetti la segretezza del voto. Stessa richiesta è stata avanzata da Maurizio Lupi di Ap. La presidente Laura Boldrini ha detto: “La presidenza non ha il tempo di guardare le agenzie…”.

Il giallo del tabellone – Al voto sull’emendamento “incriminato” alla legge elettorale approvato nell’Aula della Camera contro il parere della commissione scatta il “giallo” del tabellone. Questi i fatti: la presidente Boldrini indice la votazione specificando che è a scrutinio segreto. Ma sul tabellone invece di spuntare le palline tutte azzurre, come accade per le votazioni segrete, spuntano le palline rosse e verdi, come accade per quelle palesi. Si scorgono dei voti favorevoli nei banchi del Pd e di Fi. Ci si accorge dell’inconveniente, Boldrini chiede di rimediare e le palline diventano tutte azzurre. Ma le proteste non si placano. E Massimo Corsaro chiede “che il responsabile di ciò sia allontanato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA