Palamara annuncia che si candiderà alle prossime politiche. “I cittadini mi chiedono di impegnarmi per una giustizia giusta”

Palamara
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Giustizia non può essere vendetta. A breve renderò noto le modalità con le quali mi candiderò alle prossime elezioni politiche del 2023 per rispondere alle numerose istanze di tanti cittadini che quotidianamente nell’occasione delle presentazioni dei miei libri verità mi chiedono di impegnarmi per una giustizia giusta”. Lo annuncia l’ex magistrato Luca Palamara.

Palamara: “I cittadini mi chiedono di impegnarmi per una giustizia giusta”

“Attenderò con serenità la decisione sulla mia istanza di ricusazione – ha aggiunto l’ex magistrato -, ma da uomo libero e da cittadino di questo Paese democratico ribadisco che non mi faccio e non mi faro’ mai intimidire da nessuno. E tantomeno dalla attuale dirigenza dell’Anm molto lontana dai fasti gloriosi che l’hanno caratterizzata”.

“Grave e irrituale – ha detto ancora Palamara – il tentativo di condizionamento nei confronti dei giudici della corte d’appello di Perugia chiamati a decidere sulla ricusazione depositando fuori termine una memoria che rischiava di poter diventare una traccia per l’eventuale decisione. Tutto questo rafforza il mio convincimento di essere al centro di un regolamento di conti interno alla magistratura tra le correnti ancor di piu’ in vista delle prossime elezioni del CSM e rafforza l’idea di un mio impegno politico per una giustizia giusta e non vendicativa”.

Palamara si augura infine che in occasione dell’attuale dibattito sulla riforma della giustizia oltre al tema delle porte girevoli si “affronti anche il tema dei fuori ruolo e del loro rapporto con la politica nonché delle incompatibilità tra magistrati e giornalisti. Pare invece che su questo l’Anm e il Csm stiano facendo orecchie da mercante”.

“Se così non fosse si sarebbe già risolta una situazione imbarazzante e incresciosa – ha concluso Luca Palamara -, come ad esempio il fatto che non è prevista alcuna forma di incompatibilità tra magistrato e giornalista che pur essendo coniugati lavorano nello stesso palazzo di giustizia”.