Palermo, estorsioni e rapine agli imprenditori. Clan mafiosi nel mirino: 27 arresti. C’è anche un consigliere comunale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono 27 le persone arrestate in un’operazione contro i clan di Palermo. Tra questi pure il consigliere comunale Giuseppe Faraone, ex esponente del centrodestra ora passato alla lista del governatore Crocetta, per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le accuse per gli altri arrestati sono quelle di associazione mafiosa, estorsioni e rapine. Le vittime hanno denunciato di essere state costrette a pagare il pizzo.  Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, si è attivato per la costituzione di parte civile nel procedimento. Sotto la lente sono finiti alcuni appalti della Curia.  Perché nel mirino degli estorsori era finita anche l’impresa che lavorava per conto della Curia nella costruzione di un grande immobile tra via Maqueda e discesa dei Giovenchi, a Palermo. Ma ci sarebbero altre 13 estorsioni ad altrettanti imprenditori che hanno collaborato con le forze dell’ordine.