Palermo, follia omicida in una cava. Ex dipendente uccide direttore della cava e capocantiere. Licenziato sette mesi fa era in gravi condizioni economiche

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sparatoria nella cava Giardinello a Trabia nel palermitano. Sono due le vittime  della lite culminata in tragedia intorno alle 12 di questa mattina. I due lavoratori rimasti uccisi a colpi di arma da fuoco da un altro uomo che aveva lavorato nella cava erano il direttore della cava e il capo cantiere. Alcuni residenti hanno sentito gli spari e lanciato l’allarme. L’omicida è un ex collega delle due vittime, Francesco La Russa, 49 anni, sposato con tre figli. Li avrebbe colpiti a freddo. L’omicida era stato licenziato sette mesi fa dalla cava. Ora la sua testimonianza è al vaglio degli investigatori della Squadra mobile di Palermo. Il killer sarebbe stato in gravi condizioni economiche. La cava, sequestrata alla mafia, è in amministrazione giudiziaria.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA