Il vecchio leone è ferito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

i sicuro è un combattente. Per cui c’è da credere che non mollerà. Marco Pannella, è stato operato al cuore, nel corso della scorsa notte, al policlinico Gemelli di Roma, in seguito a un malore. “L’intervento di riparazione di endoprotesi vascolare aortica – spiega una nota dell’ufficio stampa dei Radicali – è andato bene”.

Le reazioni
Più che avventurarsi in un prematuro coccodrillo sulle battaglie politiche del leader radicale e sulla sua importanza nel panorama politico italiano, vale la pena riportare le parole dei suoi colleghi, di ogni schieramento, che danno il senso – semmai ce ne fosse bisogno – della caratura dell’uomo politico. ‘’Per Pannella ho pregato perché si riprenda bene. Lui è di tempra forte e supererà anche questa. In bocca al lupo Marco, torna presto, la politica italiana ha bisogno della tua passione e delle tue battaglie’’, ha affermato Gianfranco Rotondi di FI-Ump. “Auguri a MarcoPannella, avversario su tanti fronti ma militante generoso e infaticabile” è in vece il commento su twitter di Maurizio Gasparri (FI). Il deputato Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia, ha formulato gli auguri di riavere al più presto Marco Pannella al suo posto di combattimento nelle tante battaglie civili di cui è protagonista. Anche la senatrice Anna Maria Bernini, vice presidente vicario di Forza Italia a Palazzo Madama, sceglie Twitter per augurare ‘’Forza Marco, torna presto con la tua passione e la tua polemica’’. “Auguri Marco Pannella – scrive, sempre su Twitter Pierferdinando Casini, presidente della Commissione Affari esteri del Senato – E’ bello continuare a non essere d’accordo con te”. Una chiave di lettura usata anche da Gianni Alemanno, su Facebook: “E’ bello abbracciare un vecchio leone anche quando si è  totalmente in disaccordo con lui. Guarisci presto Marco, abbiamo voglia di litigare ancora con te!”. Benedetto Della Vedova, sottosegretario agli Esteri e portavoce di Scelta civica, iscritto al Partito Radicale Transnazionale, dopo la notizia dell’operazione a cui e’ stato sottoposto il leader dei Radicali ha twittato: “Forza Marco”. Goffredo Bettini (Pd) ha inviato una sua messaggio personale: “Caro Marco,  sei sempre stato una roccia nonostante la tua vita spericolata. Torna presto anche questa volta perché l’Italia ha bisogno di te”. Per Paolo Tancredi, deputato del Nuovo Centrodestra, “tutti i teramani, di cui sento in questo momento di interpretare il sentimento e la vicinanza, sono al tuo fianco. Siamo impazienti di tornare ad essere d’accordo e in disaccordo con te’’. E ancora: Daniele Capezzone (FI) “Forza Marco. Non fare scherzi…”. Giorgia Meloni (Fdi-An): “Coraggio Marco. Siamo tutti con te”. Riccardo Nencini (Psi) ‘’Forza Marco, ti aspettiamo. L’Italia delle libertà ha ancora bisogno di te’’.

L’intervento
Nell’intervento che ha subito Marco Pannella un tratto dell’arteria aorta è stato sostituito con una protesi, sostanzialmente un ‘tubicino’ di plastica, che a sua volta e’ stata collegata agli altri vasi sanguigni con dei vasi artificiali, un intervento piuttosto complesso per un uomo dell’età dell’esponente radicale. Lo spiega Francesco Fedele, ordinario di cardiologia dell’università La Sapienza di Roma. ‘’L’aneurisma addominale è una dilatazione permanente dell’aorta, in cui i tre strati che compongono le pareti non sono più uniti – spiega Fedele -. Questo può preludere alla rottura definitiva, e comunque porta a difetti nell’irrorazione dei vari organi, una situazione molto pericolosa. I sintomi di questo problema sono molto simili a quelli di un infarto, per questo probabilmente si è pensato a un problema al cuore all’inizio’’. La sostituzione della parte lesionata è un intervento delicato. ‘’La porzione di aorta interessata viene sostituita con una protesi artificiale – spiega l’esperto – che a sua volta viene collegata alle altre arterie con dei ‘tubicini’. Si tratta di una procedura invasiva, che per un uomo come Pannella può essere molto pericolosa’’.

I fattori di rischio
Nonostante i fattori di rischio noti a cui è esposto Pannella, sottolinea Fedele, in questo caso a causare l’episodio potrebbe essere stata la pressione non controllata o semplicemente l’età. ‘’Sappiamo che Pannella non è certo un esempio di prevenzione cardiovascolare, ma bisogna dire che è uno di quei rari casi in cui il fisico ha resistito molto bene negli anni, nonostante il fumo”.