“Pantani fermato dalla camorra”. Spunta un’intercettazione e prende quota l’ipotesi di un giro di scommesse clandestine per far squalificare il Pirata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tanti, troppi perché rimasti senza alcuna risposta a sedici anni di distanza dalla squalifica a Madonna di Campiglio di Marco Pantani. E ora un’altra testimonianza potrebbe riaprire il caso Pantani. Un’intercettazione di un affiliato della Camorra solleva altri dubbi su quella squalifica del Pirata che venne fermato a Giro d’Italia ormai vinto, penultima tappa, per un valore dell’ematocrito troppo alto (51,9) rispetto al consentito (50). L’ultima testimonianza di un camorrista avvalorerebbe quanto in tanti vanno sostengono da anni: il mondo delle scommesse clandestine e della malavita sarebbero intervenuti per far squalificare Pantani. Secondo quanto rivela oggi La Gazzetta dello Sport, attraverso l’intercettazione dell’affiliato, “per evitare un buco finanziario il clan che gestiva il banco delle puntate sul Giro 1999 decise che Pantani non doveva arrivare a Milano”.

…LO DICEVA PURE VALLANZASCA
La pista s’intreccia con la testimonianza di Renato Vallanzasca, capo della banda della Comasina che negli anni Settanta si macchiò di numerosi crimini. Vallanzasca nella sua biografia racconta che gli era stato consigliato da un camorrista suo vicino di cella di puntare sui rivali del Pirata perché tanto Pantani non sarebbe mai arrivato al traguardo finale di Milano. E così fu. Ma Vallanzasca non puntò nulla. E ora ecco che per caso spunta questo esponente della camorra che, sotto osservazione per altre indagini, si sarebbe lasciato sfuggire una confessione che lascia più di qualche ombra: “Certo che la storia di Vallanzasca è vera, pensavo fosse un uomo d’onore e invece è un pezzo di mer… Parlare con i carabinieri…”. Un caso che si potrebbe riaprire davvero ora. Con elementi scottanti. Perché su quel prelievo di sangue del 5 giugno 1999 a Madonna di Campiglio ci sono sempre più dubbi. Nel corso delle indagini era già stata sollevata l’ipotesi di una possibile deplasmazione del sangue che potrebbe essere stata usata per alzare l’ematocrito. Un’ipotesi tra mille dubbi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA