Partito democratico frantumato dall’Italicum. Bersani minaccia la scissione: l’accordo era possibile. L’ex segretario riunisce 140 parlamentari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il dado è tratto. E ora la scissione nel Partito democratico sembra davvero a un passo. Il super canguro sull’Italicum e la consolidata alleanza Matteo-Silvio per salvare il Patto del Nazareno fa salire l’onda di protesta della minoranza. Da Palazzo Madama sono risultati 27 i dissidenti ufficiali a cui andrebbero aggiunti pure gli assenti. Ma la flotta tenendo conto anche della Camera è ben più vasta. E lo testimonia la riunione dei 140 convocata da Pier Luigi Bersani. “Sulla riforma elettorale era possibile una “mediazione”, ma Matteo Renzi non ha voluto”, afferma Bersani, “Renzi lo sa benissimo: c’era una possibile mediazione sull’Italicum e loro non hanno voluto mediare. Ora spetta a lui dire se si può partire dall’unità del Pd. Dare del parassita a Corsini, Gotor, Mucchetti (come ha fatto il senatore Stefano Esposito, ndr), e’ pericoloso. E’ gente per bene che non chiede niente e va trattata con rispetto. Se viene meno il rispetto sono guai”.  Sono circa 140 i parlamentari della minoranza Pd riuniti a Montecitorio. Gli esponenti delle varie aree che si oppongono alla maggioranza renziana, stanno discutendo dalle 16 di oggi di riforme. Oltre a Pierluigi Bersani, sono presenti tra gli altri Gianni Cuperlo, Pippo Civati, Cesare Damiano, Rosy Bindi, Francesco Boccia, Stefano Fassina, Roberto Speranza, Miguel Gotor, Vannino Chiti, Federico Fornaro. Presenti anche i sottosegretari Sesa Amici e Luciano Pizzetti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA