Patto per la lettura. Accordo fatto tra Mibact e i big della Tv: i libri invaderanno i palinsesti televisivi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Italia si legge poco, ma ora per porre rimedio alla cattiva abitudine made in Italy arriva il “Patto per la lettura” tra i big della televisione e il ministero dei Beni culturali e del Turismo. Ora i libri invaderanno i palinsesti televisivi grazie all’accordo siglato con il dicastero guidato da Dario Franceschini. Presenti all’incontro nel Salone del ministro al Collegio Romano, oltre a Franceschini, il direttore generale della Rai, Antonio Campo dall’Orto, il presidente Mediaset Fedele Confalonieri, l’ad de La7 Marco Ghigliani, l’executive vice president di Sky Italia, Frederic Michel e il direttore Generale Discovery Italia Marinella Soldi. L’obiettivo centrale è quello di “creare occasioni di promozione della lettura e dei libri all’interno di ogni genere di programma, non esclusivamente nei contenitori culturali”. Il ministro Franceschini ha spiegato che “l’esigenza principale è arrivare a chi non legge”.

Tra i punti del Patto vi è la pubblicità e diffusione di progetti nazionali di promozione della lettura realizzati dal Centro per il Libro e la lettura, promozione e valorizzazione della letteratura specifica per bambini e ragazzi, realizzazione di contenuti dedicati alla promozione della lettura in un’ottica multipiattaforma, creazione e sviluppo di approfondimenti e progetti sui più importanti appuntamenti italiani legati a generi, titoli e festival, valorizzazione della memoria dei grandi autori, in particolare in occasione di anniversari e ricorrenze.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA