Per Papa Francesco le tasse devono essere giuste

Il Papa agli industriali: "Il patto fiscale è il cuore del patto sociale. Il sistema e l'amministrazione siano efficienti e non corrotti".

“Molto importante è quella modalità che nel mondo moderno e nelle democrazie sono le tasse e le imposte, una forma di condivisione spesso non capita. Il patto fiscale è il cuore del patto sociale”. È quanto ha detto Papa Francesco durante l’udienza concessa oggi ai rappresentanti di Confindustria in occasione dell’Assemblea pubblica degli industriali.

Per Papa Francesco le tasse devono essere giuste

Papa Francesco: “Il patto fiscale è il cuore del patto sociale. Il sistema e l’amministrazione siano efficienti e non corrotti”

“Le tasse – ha aggiunto il Pontefice – sono anche una forma di condivisione della ricchezza, così che essa diventa beni comuni, beni pubblici: scuola, sanità, diritti, cura, scienza, cultura, patrimonio. Certo, le tasse devono essere giuste, eque, fissate in base alla capacità contributiva di ciascuno, come recita la Costituzione italiana”.

“Il sistema e l’amministrazione fiscale devono essere efficienti e non corrotti. Ma non bisogna considerare le tasse come un’usurpazione. Esse sono un’alta forma di condivisione di beni, sono il cuore del patto sociale”, ha aggiunto. Bergoglio.

“Sono lieto di potervi incontrare – ha detto il Santo Padre agli industriali – e, tramite voi, rivolgermi al mondo degli imprenditori, che sono una componente essenziale per costruire il bene comune, un motore primario di sviluppo e di prosperità. Questo tempo non è un tempo facile, per voi e per tutti. Anche il mondo dell’impresa sta soffrendo molto”.

“La pandemia – ha sottolineato ancora il Pontefice – ha messo a dura prova tante attività produttive, tutto il sistema economico è stato ferito. E ora si è aggiunta la guerra in Ucraina con la crisi energetica che ne sta derivando. In queste crisi soffre anche il buon imprenditore, che ha la responsabilità della sua azienda, dei posti di lavoro, che sente su di sè le incertezze e i rischi”.

Un’altra via di condivisione, ha sottolineato Papa Francesco, “è la creazione di lavoro, lavoro per tutti, in particolare per i giovani”. “I giovani hanno bisogno della vostra fiducia – ha aggiunto -, e voi avete bisogno dei giovani, perchè le imprese senza giovani perdono innovazione, energia, entusiasmo.

“Da sempre il lavoro è una forma di comunione di ricchezza – ha proseguito Francesco -: assumendo persone voi state già distribuendo i vostri beni, state già creando ricchezza condivisa. Ogni nuovo posto di lavoro creato è una fetta di ricchezza condivisa in modo dinamico. Sta anche qui la centralità del lavoro nell’economia e la sua grande dignità”.

“Creare lavoro poi genera una certa uguaglianza nelle vostre imprese e nella società. E’ vero che nelle imprese esiste la gerarchia – ha aggiunto il Papa -, è vero che esistono funzioni e salari diversi, ma i salari non devono essere troppo diversi. Oggi la quota di valore che va al lavoro è troppo piccola, soprattutto se la confrontiamo con quella che va alle rendite finanziarie e agli stipendi dei top manager. Se la forbice tra gli stipendi più alti e quelli più bassi diventa troppo larga, si ammala la comunità aziendale, e presto si ammala la società”.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram