Per Renzi la scuola è la madre di tutte le battaglie. “E’ fondamentale che riparta con l’aiuto di tutti”. Ma test e tamponi per i prof dovrebbero essere obbligatori

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Se la scuola ce la farà ad aprire per il 14 settembre? Ce la deve fare. C’è un aumento dei contagi, fisiologico, ma non dei morti. Bisogna conviverci. Il virus non sarà sconfitto per mesi e chi continua a vivere di paura non si rende conto che si rischia di morire di fame”. E’ quanto ha detto in un’intervista a La Stampa il leader di Italia Viva, Matteo Renzi. Alla domanda se la ministro Lucia Azzolina dovrà dimettersi “in caso di disastro”, Renzi replica che “in questa fase la priorità è far andare le cose bene, non evocare scenari. Ed è fondamentale dare tutti una mano perché la scuola riparta”, perché “la scuola è la madre di tutte le battaglie in questa fase, insieme al lavoro. Penso che oggi sia fondamentale dare tutti una mano perché riparta”. “Test obbligatori per i professori? Assolutamente sì. Di cosa hanno paura, di un prelievo? I professori devono fare test e tamponi, e anche il vaccino”, sottolinea l’ex premier. Nell’intervista Renzi parla anche di alleanze e sottolinea che “noi siamo quelli che hanno mandato Salvini a casa ma che ora vogliono evitare che nella casa del centrosinistra entri Di Battista con la Taverna. Italia Viva non è contro il Pd, ma è un’altra cosa. Non vogliamo morire leghisti ma non vogliamo vivere grillini”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA